SICUREZZA E SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

Per spazio confinato si intende: un qualsiasi ambiente limitato, in cui il pericolo di morte o di infortunio grave è molto elevato.

Si può descrivere un ambiente confinato come uno spazio chiuso o parzialmente chiuso: 

  • Un’area in cui può essere necessario accedere per lavori di manutenzione, installazione apparecchiature o attività come bonifica e ispezione.
  • Un Ambiente non progettato per essere occupato continuamente da lavoratori e che possa contenere almeno una persona.
  • Uno spazio dove ci sono limitazioni e impedimenti per l’ingresso e l’uscita, laddove c’è una ventilazione naturale limitata o assente.
  • Un ambiente dove possono accadere infortuni gravi o mortali a causa della presenza di sostanze pericolose, della carenza di ossigeno o di altri rischi. 

Gli spazi confinati sono facilmente identificabili proprio per la presenza di aperture di dimensioni ridotte, come ad esempio:

  • Serbatoi.
  • Recipienti adibiti a reattori.
  • Cisterne aperte o chiuse.
  • Reti fognarie.
  • Vasche.
  • Camere di combustione all’interno di forni.
  • Tubazioni.
  • Ambienti con ventilazione insufficiente o assente. 

Qualificazione nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati

Qualsiasi attività lavorativa nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati può essere svolta unicamente da imprese o lavoratori autonomi qualificati, di seguito elenchiamo i primari requisiti:
a) integrale applicazione delle vigenti disposizioni in materia di valutazione dei rischi, sorveglianza sanitaria e misure di gestione delle emergenze;
b) integrale e vincolante applicazione anche del comma 2 dell’articolo 21 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nel caso di imprese familiari e lavoratori autonomi;
c) presenza di personale, in percentuale non inferiore al 30 per cento della forza lavoro, con esperienza almeno triennale relativa a lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, assunta con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato ovvero anche con altre tipologie contrattuali o di appalto, a condizione, in questa seconda ipotesi, che i relativi contratti siano stati
preventivamente certificati ai sensi del Titolo VIII, Capo I, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276. Tale esperienza deve essere necessariamente in possesso dei lavoratori che svolgono le funzioni di preposto;

Info e Prenotazioni

Linea Mobile: 339 74 68 147

Per il Tuo Preventivo Gratuito Contattaci

Alcuni dei Nostri Servizi

Seguici Anche su:

Condividi Ariete Lavoro e Sicurezza su:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

IN COLLABORAZIONE CON:

COLLEGAMENTI UTILI:

logoRegioneLazio
logoEU-OSHA
Chiudi il menu